home chi siamo ricerca educazione aree pubblicazioni
 
 
         
 
 
       
 
 
 

 
Le seguenti sezioni offrono una breve panoramica del nostro lavoro:
   
  In mare
  Ecologia e comportamento dei cetacei
  Stato di conservazione, priorità di gestione e tutela dei mammiferi marini
  Ricerca sulla pesca
  Altre attività di ricerca

 

Progetto in corso:

 
Una lista completa di lavori scientifici suddivisi per le varie zone del Mediterraneo si trova qui.
 
 
 

 
In mare
 
 
     
 
 

I mari della Grecia e il Mare Adriatico sono due delle nostre aree di studio più importanti. Abbiamo svolto ricerche intensive nel Golfo di Corinto per monitorare lo stato di conservazione di delfini e altri animali marini. Abbiamo svolto studi paralleli in altri aree marine della Grecia e dell'Italia, tra cui il Golfo di Evia Settentrionale e Meridionale, il Golfo di Argo, e le acque costiere della Puglia e della Sardegna. Attualmente stiamo studiando i delfini dell'Adriatico nelle acque del Veneto.

In mare, studiamo l'ecologia dei cetacei, il loro stato di conservazione e le interazioni con le attività umane. Lo scopo ultimo è quello di identificare le potenziali minacce e offrire supporto scientifico alle azioni di gestione e tutela.

Inoltre, raccogliamo dati utili a stimare l'impatto della pesca artigianale e industriale, e monitoriamo la presenza di animali marini tra cui tartarughe, pesci spada e tonni.

 
 
     
 
     
 
 

Quando avvistiamo dei delfini, ci avviciniamo e rimaniamo con loro per sessioni di osservazione che possono durare diverse ore. Registriamo la taglia e composizione del gruppo e prendiamo nota del comportamento per tutta la durata dell'avvistamento.

Scattiamo anche un gran numero di fotografie digitali della pinna dorsale dei delfini. L'identificazione fotografica individuale viene usata per stimare l'abbondanza dei delfini, determinare l'andamento demografico delle popolazioni e studiare gli spostamenti degli animali. Questo metodo fa affidamento su fotografie digitali ad alta risoluzione e sui segni naturali a lungo termine presenti sulla pinna dorsale di ciascun individuo.

 
 

I dati raccolti nel corso dei vari survey vengono usati per studiare l'utilizzo dell'habitat da parte di cetacei ed altre specie, attraverso tecniche avanzate di indagine scientifica come la modellistica di distribuzione.

Il monitoraggio regolare contribuisce alla comprensione dello stato di salute delle popolazioni di cetacei e a identificare le loro necessità di tutela.

 
 
     
 
     
 
 
Ecologia e comportamento dei cetacei
 

 
 

Svolgiamo studi a lungo termine per studiare abbondanza, distribuzione, utilizzo dell'habitat, spostamenti, organizzazione sociale, e abitudini alimentari di varie popolazioni di cetacei, producendo pubblicazioni scientifiche che chiariscono scenari ecologici e comportamento.

La maggior parte delle nostre ricerche in questo campo hanno riguardato il delfino comune, il tursiope, la stenella striata e il grampo in Mediterraneo.

Per esempio

Bearzi G., Reeves R.R., Notarbartolo di Sciara G., Politi E., Canadas A., Frantzis A., Mussi B. 2003. Ecology, status and conservation of short-beaked common dolphins (Delphinus delphis) in the Mediterranean Sea. Mammal Review 33(3):224-252.

Bearzi G., Fortuna C.M., Reeves R.R. 2008. Ecology and conservation of common bottlenose dolphins Tursiops truncatus in the Mediterranean Sea. Mammal Review 39(2):92-123.

Bearzi G., Bonizzoni S., Agazzi S., Gonzalvo J., Currey R.J.C. 2011. Striped dolphins and short-beaked common dolphins in the Gulf of Corinth, Greece: abundance estimates from dorsal fin photographs. Marine Mammal Science 27(3):E165–E184.

Bearzi G., Bonizzoni S., Gonzalvo J. 2011. Mid-distance movements of common bottlenose dolphins in the coastal waters of Greece. Journal of Ethology 29(2):369-374.

Bearzi G., Reeves R.R., Remonato E., Pierantonio N., Airoldi S. 2011. Risso’s dolphin Grampus griseus in the Mediterranean Sea. Mammalian Biology 76:385–400.

Bonizzoni S., Furey N., Pirotta E., Valavanis V.D., Würsig B., Bearzi G. 2014. Fish farming and its appeal to common bottlenose dolphins: modelling habitat use in a Mediterranean embayment. Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems 24(5):696–711.

Bonizzoni S., Santostasi N.L., Würsig B., Bearzi G. 2014. Bottlenose dolphin abundance in the Northern Evoikos Gulf, Greece. Proceedings of the 28th Annual Conference of the European Cetacean Society. Liège, Belgium, 5–9 April 2014.

Santostasi N.L., Bonizzoni S., Bearzi G., Eddy L., Gimenez O. 2016. A robust design capture-recapture analysis of abundance, survival and temporary emigration of three odontocete species in the Gulf of Corinth, Greece. PLoS ONE 11(12): e0166650.

 
 
Stato di conservazione, priorità di gestione e tutela dei mammiferi marini
 

 
 

Abbiamo contribuito all'identificazione dello stato di salute delle popolazioni di cetacei e delle priorità di tutela in diverse aree del Mediterraneano.

Per esempio

Bearzi G., Holcer D., Notarbartolo di Sciara G. 2004. The role of historical dolphin takes and habitat degradation in shaping the present status of northern Adriatic cetaceans. Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems 14:363-379.

Bearzi G., Agazzi S., Bonizzoni S., Costa M., Azzellino A. 2008. Dolphins in a bottle: abundance, residency patterns and conservation of bottlenose dolphins Tursiops truncatus in the semi-closed eutrophic Amvrakikos Gulf, Greece. Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems 18(2):130-146.

Piroddi C., Bearzi G., Gonzalvo Villegas J., Christensen V. 2011. From common to rare: the case of the Mediterranean common dolphin. Biological Conservation 144(10):2490-2498.

Bearzi G., Bonizzoni S., Santostasi N.L., Furey N.B., Eddy L., Valavanis V.D., Gimenez O. 2016. Dolphins in a scaled-down Mediterranean: the Gulf of Corinth's odontocetes. Pp. 297-331 in Mediterranean Marine Mammal Ecology and Conservation (G. Notarbartolo di Sciara, M. Podestà and B.E. Curry, eds). Advances in Marine Biology, Vol. 75, Academic Press, Oxford.

Santostasi N.L., Bonizzoni S., Gimenez O., Eddy L., Bearzi G. 2018. Common dolphins in the Gulf of Corinth are Critically Endangered. Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems. doi: 10.1002/aqc.2963

L'esperienza maturata in mare ha aiutato a sviluppare le competenze necessarie alla redazione di ampi piani d'azione per la conservazione dei mammiferi marini.

Per esempio

Bearzi G., Notarbartolo di Sciara G., Reeves R.R., Canadas A., Frantzis A. 2004. Conservation Plan for short-beaked common dolphins in the Mediterranean Sea. ACCOBAMS, Agreement on the Conservation of Cetaceans of the Black Sea, Mediterranean Sea and Contiguous Atlantic Area. 90 pp.

Bearzi G. 2006. Action Plan for the conservation of cetaceans in Libya. Regional Activity Centre for Specially Protected Areas (RAC/SPA), Libya’s Environment General Authority and Marine Biology Research Center. 50 pp.

Notarbartolo di Sciara G., Bearzi G. 2010. National Strategy and Action Plan for the conservation of cetaceans in Greece, 2010-2015. Initiative for the Conservation of Cetaceans in Greece, Athens. 55 pp.

Bearzi G. 2017. Action Plan for Marine Mammals in Israel, 2017–2022. Israel Marine Mammal Research & Assistance Center (IMMRAC), Israel. 101 pp.

 
Ricerca sulla pesca
 

 

Svolgiamo studi per valutare l'impatto della pesca sui delfini, così come l'impatto dei delfini sulla pesca.

Per esempio

Bearzi G., Politi E., Agazzi S., Azzellino A. 2006. Prey depletion caused by overfishing and the decline of marine megafauna in eastern Ionian Sea coastal waters (central Mediterranean). Biological Conservation 127(4):373-382.

Bearzi G., Agazzi S., Gonzalvo J., Costa M., Bonizzoni S., Politi E., Piroddi C., Reeves R.R. 2008. Overfishing and the disappearance of short-beaked common dolphins from western Greece. Endangered Species Research 5:1-12.

Bearzi G., Agazzi S., Gonzalvo J., Bonizzoni S., Costa M., Petroselli A. 2010. Biomass removal by dolphins and fisheries in a Mediterranean Sea coastal area: do dolphins have an ecological impact on fisheries? Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems 20(5):549-559.

Piroddi C., Bearzi G., Christensen V. 2010. Effects of local fisheries and ocean productivity on the northeastern Ionian Sea ecosystem. Ecological Modelling 221(11):1526-1544.

Bearzi G., Bonizzoni S., Gonzalvo J. 2011. Dolphins and coastal fisheries within a Marine Protected Area: mismatch between dolphin occurrence and reported depredation. Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems 21:261-267.

Piroddi C., Bearzi G., Christensen V. 2011. Marine open cage aquaculture in the Eastern Mediterranean Sea: a new trophic resource for bottlenose dolphins. Marine Ecology Progress Series 440:255–266.

Bonizzoni S., Bearzi G., Santostasi N.L., Furey N.B., Valavanis V.D., Würsig B. 2016. Dolphin depredation of bottom-set fishing nets in the Gulf of Corinth, Mediterranean Sea. Proceedings of the 30th Annual Conference of the European Cetacean Society, Funchal, Madeira, 14-16 March 2016.

Questi dati integrano quelli raccolti durante i survey e contribuiscono alla comprensione dello stato di conservazione dei cetacei e del ruolo dei mammiferi marini negli ecosistemi.

 
 
     
 
 

Negli ultimi anni, abbiamo intervistato un totale di 220 pescatori artigianali che operano in 80 porti sparsi in tre aree della Grecia. Inoltre, abbiamo stimato il numero, tipologia e attività delle flotte locali, per un totale di 676 barche da pesca registrate e incluse in un database.

In Italia svolgiamo un lavoro dello stesso tipo (ad esempio, abbiamo intervistato 100 pescatori che operano nell'Area Marina Protetta della Penisola del Sinis, in Sardegna).

Queste informazioni vengono utilizzate nelle pubblicazioni scientifiche, comunicate attraverso presentazioni e vari media, e trasmesse ai gestori e alle istituzioni deputate alla tutela dell'ambiente marino.

 
 
     
 
     
 
 
Altre attività di ricerca
 

 

Abbiamo svolto anche ricerche di altro tipo per studiare:

1) la presenza storica dei cetacei e le fluttuazioni nella loro abbondanza verificatesi nell'arco di decadi e secoli, attraverso l'analisi di serie storiche di dati su spiaggiamenti e catture, e l'analisi critica di documenti, fotografie e antica iconografia

Bearzi G., Reeves R.R., Notarbartolo di Sciara G., Politi E., Canadas A., Frantzis A., Mussi B. 2003. Ecology, status and conservation of short-beaked common dolphins (Delphinus delphis) in the Mediterranean Sea. Mammal Review 33(3):224-252.

Bearzi G., Holcer D., Notarbartolo di Sciara G. 2004. The role of historical dolphin takes and habitat degradation in shaping the present status of northern Adriatic cetaceans. Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems 14:363-379.

Bearzi G., Pierantonio N., Affronte M., Holcer D., Maio N., Notarbartolo di Sciara G. 2011. Overview of sperm whale Physeter macrocephalus mortality events in the Adriatic Sea, 1555–2009. Mammal Review 41(4):276–293.

Pierantonio N., Bearzi G. 2012. Review of fin whale mortality events (1728–2011) in the Adriatic Sea, with a description of a previously unreported killing. Marine Biodiversity Records 5, e109 (6 pages) doi:10.1017/S1755267212000930

2) i cambiamenti nella percezione dei cetacei (da mostri marini a esseri senzienti degni di ammirazione), ad esempio tramite interviste

Bearzi G., Pierantonio N., Bonizzoni S., Notarbartolo di Sciara G., Demma M. 2010. Perception of a cetacean mass stranding in Italy: the emergence of compassion. Aquatic Conservation: Marine and Freshwater Ecosystems 20:644-654.

Bonizzoni S., Bearzi G., Würsig B. 2014. Shifting perceptions towards Mediterranean whales and dolphins: from monsters to icons. Workshop "Marine Mammals as Indicators of Historical Changes", 28th Annual Conference of the European Cetacean Society. Liège, Belgium, 5–9 April 2014.

3) tematiche inerenti la conservazione del mare e alcuni aspetti etici della ricerca

Bearzi G. 2000. First report of a common dolphin (Delphinus delphis) death following penetration of a biopsy dart. Journal of Cetacean Research and Management 2(3):217-221.

Bearzi G. 2007. Marine conservation on paper. Conservation Biology 21(1):1-3.

Bearzi G. 2009. When swordfish conservation biologists eat swordfish. Conservation Biology 23(1):1-2.

Bearzi G., Gimenez O. 2018. Searching for meaning in marine mammal shared data. Ethics in Science and Environmental Politics 18:9-13.

4) le risposte comportamentali dei cetacei alla morte di un conspecifico

Bearzi G., Eddy L., Piwetz S., Reggente M.A.L., Cozzi B. 2017. Cetacean behavior toward the dead and dying. Encyclopedia of Animal Cognition and Behavior (J. Vonk and T.K. Shackelford, eds.). Springer International Publishing. DOI 1007/978-3-319-47829-6_2023-1.

Bearzi G., Reggente M.A.L. 2017. Epimeletic behavior. Pp. 337-338 in Encyclopedia of Marine Mammals, 3rd edition (B. Würsig, J. G. M. Thewissen and K. Kovacs, eds.). Elsevier/Academic Press, Amsterdam and San Diego.

Bearzi G., Kerem D., Furey N.B., Pitman R.L., Rendell L., Reeves R.R. 2018. Whale and dolphin behavioural responses to dead conspecifics. Zoology 128:1-15.

 
Progetto in corso
 
 

Delfini del Veneto si avvale dell'esperienza di biologi marini che hanno svolto studi intensivi sui cetacei in molte aree del Mediterraneo.